ansia da separazione

Ansia da separazione del cane cosa fare.

Non è raro che un cane soffre da ansia da separazione, questo perchè i cani sono animali da branco e sono abituati a passare intera giornata in compagnia inoltre possono essere molto attaccati a uno o più membri della famiglia. Tenendo in considerazione quanto detto in precedenza e prendendo in considerazione altri fattori come una cattiva socializzazione, un cambiamento improvviso nella routine o dell’ambiente che lo circonda o passare molto tempo in casa da solo, non è difficile che il cane si sviluppi ansia da separazione.

Cos’è l’ansia da separazione del cane.

Si parla di ansia da separazione quando il cane è troppo attaccato a uno o più membri della famiglia e compaiono diversi problemi in sua assenza. Tali problemi o comportamenti si manifestano perchè il cane che soffre da ansia da separazione si sente in pericolo senza la figura rassicurante di quello e quei membri della famiglia. La separazione del cane dal padrone provoca questo stato d’ansia a prescindere che la separazione sia un periodo di tempo più o meno lungo. Se non si educa il cane in maniera opportuna e non si presta attenzione al suo comportamento non è difficile che il cane senta quest’ansia.

Sintomi di un cane che soffre di ansia da separazione.

Non bisogna sbagliare nel riconoscere un cane che soffre per  l’ansia da separazione, bisogna fare molta attenzione a non confondere i sintomi dovuti a  un malessere fisico con ansia da separazione. Per questo bisogna prima escludere che il cane soffra di qualche malattia con una visita veterinaria, e diagnosticare insieme al veterinario che si tratta effettivamente d’ansia da separazione. In genere i principiali sintomi per capire che un cane soffre d’ansia da separazione sono:

  • Il cane inizia ad essere irrequieto, angosciato e nervoso quando vede la persona alla quale è maggiormente legato prepararsi per uscire di casa.
  • Quando resta a casa da solo a casa ha un comportamento distruttivo che lo porta ad esempio rompere i cuscini del divano, rovina mobili o sparge ovunque la spazzatura.
  • Inizia a grattare la porta che la vede come la barriera fisica che lo separa dalla persona che è legato. Quando comportamento si può manifesta anche se il cane e la persona a cui è legato sono in due stanze diverse della casa separate da una porta.
  • Latrati , piagnucolio eccessivi e a seconda della razza può ululati quando si trova a casa da solo.
  • Fa i bisogni in casa in giro per la casa, come accennato in precedenza per i cani ben addestrati abituati a fare i bisogni fuori casa questo comportamento fuori dal normale può indicare oltre all’ansia da separazione un problema di salute.
  •  I cani che soffrono di ansia da separazione, tendono ad accoglierli con dimostrazioni di affetto eccessivo il padrone che rientra in casa che in alcune situazioni si possono manifestare con piccole di urina a causa dell’emozione. Anche in questo caso si deve escludere che l’incontinenza non sia dovuta ad altri problemi.
  • Nei casi più gravi, se il cane sta bene fisicamente l’ansia da separazione si può manifesta attraverso il vomito.

In ogni caso se si nota che il cane ha uno o tutti questi sintomi, bisognerà portarlo dal veterinario per assicurarsi che si tratta di ansia da separazione e non di qualche malattia che col passare del tempo non può altro che aggravare. Non bisogna mai pensare sia se si tratta d’ansia da separazione che di un problema fisico possa passare da solo col tempo, ma bisogna seguire le terapie prescritte da un veterinario dopo la visita.

Le Cause dell’ansia da separazione dei cani.

Come detto in precedenza, i motivi principali per cui si presenta l’ansia da separazione nei cani è l’attaccamento eccessivo a uno o più membri della famiglia e il fatto che il cane per natura non è un animale che gli piace passare il tempo in solitudine. Per questo un cane inizia a soffrire d’ansia da separazione quando:

  • Se il cane è abituato a passare tutto il giorno col qualcuno e per qualche motivo a smesso di farlo, è molto probabile che questa sia la causa. Passare dal trascorrere giornate intere in compagnia a stare per molte ore in casa da solo potrebbe aver dato origine al problema.
  • È possibile che un cambiamento nella routine quotidiana provochi al cane l’ansia da prestazione. Come per esempio la modifica degli orari di rientro di un membro della famiglia a cui è particolarmente legato.
  • Un numero maggiore di assenze in casa di uno o più membri della famiglia a cui è particolarmente legato.
  • Cambiare casa, Il tuo cane, come te, avrà bisogno di un periodo per abituarsi alla nuova casa. Oltre ad essere in un nuovo ambiente sentirà anche odori e rumori diversi dal solito, bisogna ricordare che il cane ha i sensi  più sviluppati dei nostri.
  • Anche un cane che si sente annoiato può soffrire d’ansia da separazione, se nell’ultimo tempo gli hai dedicato meno attenzioni o giocato meno. Ricorda che per avere un cane sano e felice devi dedicargli il tempo di cui ha bisogno per fare attività fisica o semplicemente per giocare.
  • Può anche capitare che episodio traumatico per il cane avvenuto in tua assenza anche se il cane non è particolarmente attaccato faccia si che il cane si senta in pericolo quando rimane da solo.
  • Anche una separazione troppo precoce dalla madre e dai fratellini può essere causa di un’ansia da separazione,  soprattutto se poi il cucciolo non viene fatto socializzare correttamente nei primi 4 mesi di vita.

Cosa fare e come combattere l’ansia da separazione nei cani.

Una volta che si è sicuri che alcuni comportamenti derivi dall’asia da separazione e non da malesseri fisici bisogna aiutare il cane a superarli anche se a volte è difficile.

  • Quando esci di casa cerca di non fare sempre gli stessi gesti come per esempio prepararti poi fare un giro per la casa a vedere se tutte le finestre sono chiuse e controllare se le ciotole sono piene. Per evitare che il cane associ quei gesti all’ansia del restare in casa da solo.
  • Anche se è dura se quando stai uscendo di casa vedi che il cane piange o abbaia non accarezzarlo e salutarlo, non serve affatto a tranquillizzarlo anzi non fai altro che peggiorare il suo stato d’animo.
  • Se rientri in casa è il cane è ipereccitato del tuo rientro e ti fa le feste devi essere freddo fin quando lui non si calma.
  • Se rientrando in casa trovi qualcosa di rotto anche se impulsivamente viene la voglia di rimproverarlo non serve a nulla. In cane per capire che ha fatto qualcosa di sbagliato deve essere rimproverato sul momento .
  • Se è possibile bisogna abituare il cane a stare in casa da solo sin da piccolo.
  • Anche se hai uno stile di vita prettamente sedentario, cerca di lasciare il cane da solo almeno una volta al giorno anche se non esci di casa puoi chiudere una porta tra te e lui.
  • Se è possibile cerca di uscire di casa in orari diversi.
  • Sicuramente se il cane passa molte ore da solo in casa è probabile che si annoia. Se fai in modo che il cane trascorre il tempo quando è da solo in un ambiente dove ha qualche stimolo difficilmente assocerà il fatto di restare da solo in casa a qualcosa di negativo. Per questo puoi lasciare al cane diversi giochi anche quelli che dispensano cibo ma devono essere sicuri fai molta attenzione quando gli acquisti. Infatti un gioco che si rompe può ferire o parte del gioco può essere inalato ed essere pericoloso soprattutto se non siamo presenti ad intervenire.

Il modo migliore per combattere l’ansia da separazione e cercare di capire in primo luogo il motivo per cui scaturisce questo disaggio. In modo poi di risolverla affrontando la causa che provoca l’ansia stessa, sicuramente anche se non si tratta di un problema fisico un consulto col veterinario può essere di aiuto attraverso consigli e regole da seguire per restituire la serenità al tuo cane.