Raffreddore del gatto

Raffreddore del gatto, sintomi e rimedi naturali.

il raffreddore del gatto è comune, infatti i felini hanno una particolare predisposizione a contrarre malattie respiratorie. Il raffreddore del gatto non è un problema grave ma non deve essere sottovalutato. Per questo è importate riconoscere i sintomi del raffreddore del gatto e prendere le prime precauzioni prima di andare dal veterinario.

Il raffreddore del gatto.

Il raffreddore del gatto può essere leggero e passeggero ma il alcuni casi se non opportunamente curato può portare a complicazioni e malattie secondarie delle vie respiratorie. Per il raffreddore del gatto come per quello degli umano non c’è una cura specifica ma si possono alleviare i fastidi che provoca finche il virus compie il suo corso che generalmente dura 10 giorni. Essendo il raffreddore del gatto una malattia non grave si possono curare i sintomi in casa ma se il gatto peggiora bisogna portarlo da veterinario.

Nella maggior parte dei casi il raffreddore del gatto si manifesta nei mesi invernali a causa del freddo, ma può il gatto può avere il raffreddore anche nei mesi più caldi per colpa degli sbalzi di temperatura. Per questo bisogna stare attenti ad ambienti con l’aria condizionata che possono provocare forti sbalzi di temperatura e di conseguenza il raffreddore. Il raffreddore del gatto come la maggior parte delle malattie respiratorie è altamente contagioso fra gatti. Per questo, se si hanno in casa altri gatti oltre quello che manifesta i sintomi del raffreddore e bene isolarlo dagli altri, inoltre bisogna lavarsi bene le mani prime dopo averlo toccato.

raffreddore del gatto

Il virus del raffreddore del gatto col virus che provoca il raffreddore agli esseri umani non sono gli stessi virus per cui non bisogna preoccuparsi di contagiare o di essere contagiato dal gatto.

Il raffreddore del gatto se colpisce un esemplare adulto e sano dura circa 10 giorni, e con cure casalinghe e rimedi naturali può guarire senza il bisogno di un veterinario, che è sempre bene consultare soprattutto se notiamo un peggioramento. I gatti anziano, cuccioli, gatte che allattano e gatti che soffrono di altre malattie un semplice raffreddore può complicarsi e sfociare in problemi più gravi come la polmonite, per questo è bene consultare subito un veterinario.

La causa scatenante del raffreddore del gatto indica che probabilmente ha avuto un abbassamento delle difese immunitarie dovuta a una carenza nella sua alimentazione o altre malattie. Per questo motivo oltre a curare il raffreddore è importante assicurarsi che non abbia nessun altro problema o malattia in corso che abbiano causato l’abbassamento delle difese.

Sicuramente la miglior prevenzione è proteggere Il gatto dal freddo e degli sbalzi di temperatura, inoltre bisogna seguire scrupolosamente il calendario delle vaccinazioni indicati dal veterinario per il nostro gatto.

Sintomi del raffreddore del gatto.

Per capire se il gatto ha il raffreddore bisogna fare attenzione ai sintomi. I sintomi del raffreddore del gatto alcuni sono molto evidenti altri un pò meno per questo non dovrà per forza manifestarli tutti perchè abbia il raffreddore. I sintomi del raffreddore del gatto sono:
raffreddore del gatto
  • Starnuti.
  • tosse.
  • Secrezioni nasali e oculari.
  • Lieve perdita di appetito.
  • Respirazione difficoltosa.
  • Leggera congiuntivite.
  • Gonfiore della terza palpebra.
  • Irritazione della gola.
  • Lieve febbre.
  • Letargia.

Come curare il raffreddore del gatto, cure e rimedi casalinghi.

Bisogna puntualizzare che questo articolo è puramente informativo. Infatti consigliamo di portare il gatto dal veterinario nel caso in cui presenti qualunque malessere o fastidio oltre alle visite di controllo periodiche. Anche le cure per il raffreddore del gatto sono da considerare puramente informative ed è sempre seguire le indicazioni del proprio veterinario.

Bisogna innanzitutto dire che non bisogna mani curare il proprio gatto con medicine che sono state prescritte ad altri gatti o in passato allo stesso. Infatti i gatti sono molto sensibili alle medicine e si corre il rischio di intossicarli se le dosi o il farmaco non è corretto. Per questo è sempre consigliato rivolgersi al proprio medico veterinario.

Di seguito elencheremo più che una vera e propria cura per il raffreddore del gatto che spetta al veterinario prescriverla, diamo dei semplici consigli che aiutano il gatto a superare il malessere dovuto ai sintomi del raffreddore.

raffreddore del gatto

  • Bisogna aiutare il gatto a mangiare perchè da solo mangerà poco o niente a causa dell’inappetenza provocata dal virus e dell’olfatto alterato. Dato che è fondamentale che il gatto continui a mangiare per rafforzare le sue difese immunitarie e per non farlo indebolire ulteriormente. Per questo bisognerà stimolare il suo appetito, imboccandolo e riscaldando il cibo in modo che risalti gli odori e il sapore. Anche cibi dall’odore forte se freddi sono indicati in caso di gatti col raffreddore come il tonno in scatola. Se si nota che il gatto fa fatica ad ingoiare per colpa di un’irritazione alla gola, potrebbe essere una buona idea frullare il solito cibo così che sia più facile ingerirlo o scegliere cibi con la consistenza di mousse. Un trucco per far mangiare il gatto può essere quella di sporcargli una zampa anteriore con il cibo, così che, leccandosi per pulirsi, ingerisca del cibo e gli venga un po’ di fame.
  • Sicuramente la temperatura ambientale è molto importante bisogna tenere il gatto al caldo, bisogna anche lasciare a disposizione delle coperte al gatto in modo di dare la possibilità al gatto di accucciarsi e riposarsi sotto di loro. Inoltre bisogna evitare che in casa si creino correnti d’aria che sicuramente non aiutano affatto la guarigione delle condizioni del gatto. Per questo isolare per bene porte e finestre della nostra casa oltre a favorire la guarigione del gatto aiuterà a tenere calda la nostra casa e ridurre la bolletta del riscaldamento.
  • Il gatto deve avere sempre a disposizione acqua fresca perchè a causa del raffreddore e del processo virale può disidratarsi facilmente.
  • Per rimettersi in forma il gatto ha bisogno di tranquillità e riposo per questo non bisogna obbligarlo a muoversi giocare e sicuramente a uscire.
  • Infine una volta che il gatto è guarito dal raffreddore sarà importante prevenire le ricadute. Mentre noi cercheremo di proteggerlo dal freddo e dagli sbalzi di temperatura, Il veterinario potrà consigliare cosa fare come fargli prendere degli integratori naturali ricorrendo all’omeopatia per gatti per rinforzare il sistema immunitario, come per esempio dei beta-glucani.