Quanto costa mantenere un gatto

Quanto costa mantenere un gatto?

Prima di accogliere un gatto in casa che sia preso da un allevamento o un gattile bisogna sapere quanto cosa mantenere un gatto. Quando si parla dei costi per mantenere un gatto bisogna considerare che alcune si fanno periodicamente e altre una sola volta. Molti dei costi che bisogna sostenere una volta per mantenere un gatto devono essere fatte nel primo anno di vita del gatto.

Ovviamente il costo per mantenere un gatto dipende molto dalla nostra disponibilità economica e quanto vogliamo spendere. Infatti senza far mancare nulla al nostro gatto tra cibo e cure veterinarie per esempio possiamo spendere da pochi euro per la loro ciotola o arrivare a diverse decine di euro per un dispenser automatico.

Quanto costa un gatto?

Al costo per mantenere un gatto va aggiunto ovviamente il costo del gatto stesso. Si può avere un gatto gratuitamente da conoscenti che hanno avuto una cucciolata e per questo non significa che non possono essere comunque dei gatti di razza. Bisogna comunque sapere che non bisogna staccare il gattino troppo presto dalla madre e dagli altri fratellini.

mantenere un gatto

Quanto costa un gatto di razza preso da un allevamento?

I costi di un gatto di razza variano molto in base alla razza si può arrivare anche a spendere 20.000 euro per un Savannah. Se si decide di prendere un gatto da un allevatore si deve fare molta attenzione e rivolgersi ad allevatori seri. Gli allevatori professionali forniscono cuccioli in perfetta salute, con regolare vaccinazione e sverminazione, muniti di libretto sanitario e pedigree. Per questo il costo di un gatto di qualunque razza sfiora le migliaia di euro.  Inoltre i gattini devono essere testati per le malattie genetiche (pra, pk-def) e fiv-felv. É bene prendere i cuccioli non prima che hanno compiuto le 12 settimane di età.

Quanto costa un gatto preso da un gattile?

Si può adottare un gatto anche dai gattili che sono presenti in molta città, dove spesso si possono trovare anche gatti adulti in cerca di casa. I gatti che si trovano in gattile di norma sono già sverminati hanno fatto il primo vaccino e spesso sono sterilizzati se sono adulti. Un’offerta al gattile per questo motivo è sicuramente gradita alcuni gattili invece hanno un vero e proprio tariffario che per un’adozione chiedono fino a 150 euro. Con l’adozione di un gatto in gattile si salvano due gatti, uno è quello che si porta in casa l’altro è quello che prende il suo posto nel ricovero.

In questo caso bisogna ponderare se adottare un gatto già adulto o un cucciolo.

Le spese che bisogna affrontare per mantenere un gatto possono essere suddivise in spese veterinarie, cibo e accessori.

mantenere un gatto

Spese veterinarie per mantenere un gatto.

Sicuramente una delle spese che fa paura a molti che vogliono adottare un gatto è quella veterinaria, anche i questo caso la scelta della razza può influenzare i costi. Infatti alcune razze di gatti sono più soggetti ad ammalarsi rispetto ad altre. Tuttavia sia se si tratta di un gatto con pedigree o meno i costi del veterinario per mantenere un gatto non variano. Le spese veterinarie per un gatto possono essere a scopo preventivo e per curarlo.

Quanto costa vaccinare un gatto?

Tra i 12 e i 16 mesi di età è necessario vaccinare il gatto, comunque il medico veterinario consiglierà e attuerà un protocollo vaccinale appropriato. Il costo del vaccino per il gatto è di circa 20-40 euro in base al veterinario e alla profilassi che si segue. Bisogna considerare che il primo richiamo per i vaccini obbligatori comprende l’influenza felina, il virus della panleucopenia felina e il virus della leucemia felina che andranno richiamati ogni anno.

Quanto costa la sverminazione di un gatto?

Anche se i gatti sono animali estremamente puliti e si curano della loro igiene da tenera età non sono protetti da parassiti. Per la prima sverminazione  come le successive sono da programmare con medico veterinario che speso consiglia la prima a circa 6 settimane di età. Il costo per la sverminazione del gatto ha un costo di 15-20 euro.

Quanto costa sterilizzare o castrare un gatto?

La castrazione e la sterilizzazione di un gatto è fortemente consigliato se non si vuole far accoppiare il proprio gatto. Infatti oltre ad evitare che il gatto abbia un comportamento aggressivo si evita che possa avere malattie come i tumori mammari maligni. Il costo per la sterilizzazione e o castrazione di un gatto dipende dal sesso, per i maschi il costo e da 50-90 euro mentre per le femmine e da 100 a 300 euro.

Quanto costa il microchip per un gatto?

In Italia, nonostante l’Anagrafe Nazionale Felina esista da qualche anno, non è obbligatorio microchippare il proprio gatto ma è fortemente consigliato per poterlo ritrovare in caso di smarrimento. Il costo per il microchip per un gatto è di circa 30-50 euro.

Quanto costano le cure per un gatto?

Si spera che il proprio gatto non abbia mai la necessita di un intervento, ma è un’eventualità possibile che bisogna tenere in conto. Il costo di un eventuale intervento chirurgico a un gatto può variare da 100 fino a 500 euro. Bisogna anche essere pronti a provvedere ad eventuali spese per visite veterinarie al costo di circa 30 euro.

Quanto costa l’eutanasia di un gatto?

In casi estremi quando la sofferenza del gatto non può essere alleviata dalle cure col veterinario si può valutare l’eutanasia. L’eutanasia di un gatto ha un costo di circa 50 euro.

Quanto costa il cibo per mantenere un gatto?

Non è facile stabilire una spesa mensile per il cibo dei gatti. Molto dipende dalla stazza del gatto e dal suo appetito, molto dipende anche dalla qualità del cibo. Bisogna tenere presente che il cibo per gatto venduto a prezzi stracciati il più delle volte sono scarti alimentari di pessima qualità. Il cibo per gatti di scarsa qualità spesso proprio perchè prodotti con scarti hanno valori nutrizionali differenti da quelli indicati. Inoltre questi cibi per gatti  di pessima qualità possono portare l’animale a seri problemi di salute. Infine il guadagno tra cibo scadente e di marca e veramente irrisorio. Per mantenere un gatto si può arrivare a spendere poco più di 30 euro al mese.

mantenere un gatto

Quanto costano gli accessori e utensili necessari per mantenere un gatto?

Il costo degli accessori per mantenere un gatto è molto variabile in base alle nostre possibilità e quanto vogliamo viziarlo. anche se alcuni sembrano più importanti di altri come le ciotole anche i giocattoli sono necessari per evitare che si annoi.

  • Lettiera o cassetta igienica: PEr poter mantenere un gatto in casa bisogna sicuramente avere almeno una cassetta igienica o lettiera per i bisogni del nostro gatto. Il costo per una lettiera varia in base ai modelli si parte da pochi euro per quelle aperte fino a diverse centinaia di euro per quelle auto pulenti.
  • Sabbia per gatti: Alla lettiera va aggiunta la sabbietta per gatti che andrà sostituita ogni 15 giorni circa. Anche per quanto riguarda la sabbietta per lettiera si può scegliere tra quella più economica di argilla che si può trovare a pochi euro a sacchetto e quella più costosa composta da cristalli di silicio che costa dai 6 ai 10 euro a sacchetto.
  • Ciotola per il cibo: La ciotola per il cibo di un gatto costa da uno due euro per quelle in plastica fino ad arrivare anche a 100 euro per dispenser automatici.
  • Ciotola per acqua: Stesso discorso per la ciotola dell’acqua si può scegliere una ciotola da pochi euro in plastica fino ad arrivare a 30-40 euro per le fontane per gatti.
  • Trasportino: Sicuramente avrete bisogno di un trasportino per spostare il vostro gatto in modo sicuro e confortevole come per portarlo dal veterinario. I trasportini semplici costano circa 15-20 euro, ma possono raggiungere un prezzo più alto quasi senza limite se si decide di prendere zaini o borse griffate.
  • Spazzola: Anche se i gatti passano molto tempo per la toilettatura quotidiana hanno bisogno di un aiuto esterno per eliminare i peli morti. Soprattutto durante la muta è bene spazzolare il gatto con frequenza che dipende dalla lunghezza del pelo. Una buona spazzola per gatti costa da 5 a 10 euro.
  • Casa cucce e rifugi: i gatti amano la comodità e riparato in piccole nicchie dove si sentono al sicuro. Per questo sul mercato si trovano molte cucce a forma di grotta, casetta, cuscini e materassi. Se ci limitiamo a piccoli giacigli li possiamo trovare dai 10 ai 20 euro. Se decidiamo di prendere un albero per gatti che offre al nostro gatto oltre a un posto dove riposare ma anche poter giocare si arriva a spendere anche 150 euro.
  • Tiragraffi: Il tiragraffi è un accessorio indispensabile magari anche più di uno per evitare che il nostro gatto graffi mobili e divani. Un tiragraffi da appendere al mulo o tenere a terra costa pochi euro. Possiamo anche trovare sul mercato la corda per realizzare da noi il tiragraffi o sostituirlo agli alberi per gatti sempre a pochi euro.
  • Giocattoli: Per mantenere un gatto attivo e che non si annoi è importante che abbia dei giochi. Sul mercato possiamo trovare una vasta scelta di giocattoli per gatti dalle semplici palline al costo di pochi euro fino ai giochi più tecnologici come i topi che girano per casa in autonomia. Sicuramente per non spendere un patrimonio perchè poi i gatti si annoiano a giocare sempre con lo stesso gioco e iniziare comprando un kit che comprende tunnel, piume, palline, topi di pezza e poi realizzarne con materiali di riciclo.